15/06/2012

Discorso sulla verità

Silvia Montefoschi

LA DOMANDA DELLE DOMANDE: che cos’è Verità?
COLORO CHE SONO (nella verità) non hanno bisogno di fare gruppo, di fare rete come gli atomi che fanno molecola, reti molecolari.
COLORO CHE SONO nella verità non hanno bisogno di sostenersi a vicenda per farsi forza in quanto è la verità stessa e non il gruppo, la loro forza.
COLORO CHE SONO nella verità non hanno bisogno di convertire gli altri, di convincere gli altri, di fare proselitismo ma la stessa energia la possono utilizzare con più proficuo nel mantenersi fedeli alla verità che è la loro forza.

La verità è la Relazione stessa.
La Relazione è Dio, la Verità e se noi siamo FEDELI alla Relazione, la Relazione è FEDELE a noi.
Chi è con Dio non è mai solo.
La MENZOGNA ha le gambe corte e prima o dopo i nodi vengono al pettine: per questo la Menzogna ha bisogno di fare gruppo, di fare massa, di convertire, poichè sa di non essere forte.
E’ la VERITA’ che da la forza, la vera forza, solo la Verità rende forti e nutre veramente.
Non si tratta di servire la Verità ma di ESSERE la verità.
COLORO CHE SONO sono la VERITA’ altrimenti non potrebbero ESSERE poichè solo la VERITA’ fa ESSERE sempre più ESSERE.
Le menzogne non superano il loro tempo e si confutano da sè.
I tempi della menzogna possono essere anche molto lunghi ma non infiniti: la Verità regge la prova dell’infinito.
Ci vuol ben altro che un esperimento per confutare la Verità ma “n” esperimenti perchè la verità è sempre l’eccezione alla regola e non la regola.
“IO SARO’ CIO’ CHE SARO’” disse il Dio.
La VERITA’ è la RELAZIONE.
Il Pensiero infatti non RAPPRESENTA la realtà ma la CREA.
“IO SARO’ CIO’ CHE SARO’” ci ricorda e ci ammonisce.
Quindi basta con i feticismi di ogni tipo e lasciamo che la RELAZIONE diventi ciò che deve diventare: soprattutto non facciamo resistenza perchè intanto per quanti anni o secoli se non millenni le resistenze possano rallentare il PROCESSO AUTOCONOSCITIVO DEL PENSIERO alla fine LA VERITA’ IN INFINITO DIVENIRE TRAVOLGE I FILISTEI.

4 comentários:

  1. a proposito da verdade e de deus, como explica que uma pessoa crente seja mentirosa, mentirosa de coisas pequenas e de coisas grandes, que se auto desculpa pedindo perdão a deus.
    e vira a página da mentira e escreve nova pagina de mentiras

    Cara Adriana, como psicologa, qual a razão de uma pessoa mentir, mentir muito, ao ponto de perder a credibilidade junto dos que os rodeiam e continuar a mentir. Estará associado a algum trauma de infância? Sempre ouvi dizer q há uma fase em q as crianças mentem, qdo aprendem o poder da palavra. Mas continuar a mentir pela vida fora?
    se me puder ajudar, obrigada!

    ResponderExcluir
  2. Crenças religiosas são o que diz a palavra: "crenças". Crer não quer dizer SER. Tornar-se algo em que se acredita é trabalho PSICOLÓGICO não espiritual. E é desse trabalho minucioso, profundo e nem sempre luminoso que tantos religiosos fogem, intensificando crenças e orações. Enquanto isso sua casa, interna e externa, está à mercê do que eles não querem ver.

    ResponderExcluir
  3. obrigada pela resposta Adriana

    e porquê que as pessoas mentem? refiro-me a mentiras que prejudicam os outros e às vezes ao proprio mentiroso

    ResponderExcluir
  4. Por que? Porque são ruins? Não se dão conta das consequências? Foram acostumadas assim? Não se dão conta de mentir? Vária razões...

    ResponderExcluir